RADICCHIO ROSSO…depurante, disintossicante, alcalino, antiossidante

radicchio-rosso

La % di acqua supera la soglia dei 90, il 4,50 % sono carboidrati, l’1,30% e’ costituito da proteine e la restante percentuale si divide in ceneri, fibre, zuccheri e grassi. I minerali che troviamo nel radicchio rosso sono il calcio, il sodio, il fosforo, il potassio ( in grande quantità ), il magnesio, il ferro, lo zinco, il rame ed il manganese.

Queste invece le vitamine: B1, B2, B3, B5, B6, vitamina C, E, K. Sul fronte degli aminoacidi sono presenti l’arginina, la fenilalanina, l’isoleucina, la leucina, la lisina, triptofano e valina.

Il calcio ed il ferro presenti nel radicchio rosso sono in grado di favorire il metabolismo delle ossa; gli antociani presenti nel radicchio rosso hanno proprietà preventive nei confronti delle malattie cardiovascolari, mentre, il triptofano, apporta benefici al sistema nervoso contrastando i disturbi legati all’insonnia.

Contiene inula, cicorine, colina, tannino, acido cicorico, acido amminato, amido, protidi, minerali e vitamine del gruppo B, vitamina C e vitamina K. Alcune ricerche scientifiche dimostrano che l’inulina riduce notevolmente il rischio di cancro intestinale. Il tannino funziona come astringente, disinfettante, tonico, e disintossicante. Presenta un forte effetto colagogo ovvero facilita la produzione e l’espulsione della bile e di conseguenza permette il buon funzionamento del fegato. È una verdura estremamente alcalinizzante. I suoi estratti sono efficaci nei trattamenti di problemi digestivi, gastrite, epatite, problemi alla cistifellea, vermi intestinali ed emorroidi. Sotto l’influenza di composti dal gusto strettamente amaro, la digestione è stimolata. La pianta è in grado di diminuire i livelli di colesterolo ematico prevenendo problemi cardiocircolatori.

Grazie all’elevata percentuale di acqua, il radicchio è depurativo; può essere inoltre un valido aiuto per chi soffre di stitichezza (per la presenza di una cospicua quantità di fibre insolubili) e difficoltà digestive. Ha un bassissimo potere energetico ed è quindi utile nelle diete ipocaloriche. Le fibre contenute nel radicchio (inulina) sono in grado di trattenere gli zuccheri presenti nel sangue; per questo motivo è un alimento consigliato a chi soffre di diabete di tipo 2. Quest’ortaggio è utile anche a chi soffre di psoriasi (grazie alla azione depuratrice e colagoga).

Da recenti studi svolti all’Università di Urbino sembra che il radicchio rosso contenga molte più sostanze antiossidanti rispetto ad alimenti più famosi per questa proprietà come mirtilli e uva passa; grazie a questa sua caratteristica il radicchio rosso ha la proprietà di rallentare l’invecchiamento cellulare e di prevenire l’insorgere di alcuni tipi di tumore, soprattutto a livello intestinale.

MES – Nicola Camera